Servizi

Una volta definita la strategia, è la creazione di contenuti a fare la differenza: testi, foto e video. Grazie alla collaborazione con la casa di produzione Vivarium Creative Lab, posso aiutarti nel tuo content marketing.

 

flowerista_servizi

 

Se hai già chiaro in testa quale sia la tua content strategy, possiamo affrontare insieme il secondo punto del content marketing ovvero la produzione dei contenuti veri e propri. Se invece non hai ancora chiarito quali sono gli obiettivi e i pilastri strategici della tua attività ti invito a dare un’occhiata alla mia pagina dedicata alle Consulenze, dove ti parlo in maniera più approfondita di cosa si intende per strategia di comunicazione.

Si dice sempre “Content is king” citando Bill Gates, ma cosa significa in parole semplici?

Il contenuto digitale costituisce uno degli strumenti a disposizione per aumentare il traffico verso il proprio sito, sia in maniera organica (cioè attraverso i motori di ricerca), sia referral (cioè di ritorno, ad esempio attraverso i social network). Nessuna realtà di impresa può essere considerata troppo piccola per proporre il proprio contributo in rete; in questo modo crea valore economico per sé e per gli altri a partire dalle informazioni messe a disposizione degli utenti.

Quali tipi di contenuto per quali utenti?

Solitamente i contenuti hanno uno o più tra questi obiettivi, che non fanno altro che seguire il funnel di vendita:

  • Lead Generation Attrarre potenziali clienti, salvare le loro informazioni di contatto per poi ricontattarli
  • Brand Awareness Aumentare la notorietà del brand nei confronti di chi è già stato contattato almeno una volta
  • Informare Informare in merito all’utilizzo dei prodotti/servizi
  • Convertire il contatto in cliente – Questo è il contenuto chiave del nostro percorso di vendita, deve essere sufficientemente chiaro e accattivante per trasformare un semplice contatto in cliente
  • Fidelizzare Contenuti creati per aumentare il valore già percepito dai clienti esistenti, al fine di renderli fedeli al brand e spingerli a ripetere l’acquisto

Ognuno di questi può essere pensato come testo, immagine, video o infografica. L’importante è che vi sia una forte coerenza in termini di branding.

Ecco cosa possiamo fare insieme, sfruttando il fatto che Flowerista è un tutt’uno con la casa di produzione Vivarium Creative Lab:

   

 

E se vuoi cimentarti da solo nella creazione di contenuti, ricorda questi principi base:

  1. Conosci il tuo utente – Quali sono le necessità dell’utente? I suoi desideri? E i suoi timori? In quale modo l’utente ti riconosce (oppure no) come competente nel tuo settore?
  2. Conosci l’utente del web – E’ collegato 24h su 24, 7 giorni su 7 quindi è bene pubblicare contenuti con una certa frequenza, svolge ricerche su internet e accede da svariati dispositivi, di conseguenza è opportuno che i contenuti siano adattati al mobile.
  3. Equilibrio nei contenuti – Prodotto – prodotto – prodotto non funziona, occorre alternare tra contenuti di diluizione e promozione del prodotto/servizio
  4. L’utente stesso genera contenuti (UGC) – Puoi sfruttare questa caratteristica a tuo vantaggio, chiedendo recensioni, immagini del tuo prodotto, svolgendo sondaggi, realizzando contest dove l’utente è chiamato in prima persona a produrre contenuti.
  5. Piano editoriale, orari, frequenza – Il timing è molto importante sui social perché gli utenti vi accedono ad orari particolari e con diverse intenzioni a differenza dell’orario o del giorno (immedesimati nelle sensazioni che provi il lunedì mattina, rispetto invece a quelle che sperimenti il venerdì pomeriggio). Anche la pubblicazione dei contenuti nel breve-medio termine deve avere un andamento più o meno calendarizzato in un piano editoriale vero e proprio.

SCRIVIMI PER INFO!