Descrizione Progetto

Vaia

Siamo Giuseppe Addamo, Federico Stefani e Paolo Milan, fondatori di Vaia.

La nostra storia inizia nell’ottobre 2018 quando la tempesta Vaia ha messo in ginocchio le Dolomiti: in poche ore 42 milioni di alberi sono stati abbattuti dalle sferzate di un vento inarrestabile e di una pioggia devastante. Abbiamo deciso di agire, di fare la nostra parte: a partire dal legno distrutto abbiamo creato oggetti di design che uniscono la tecnologia analogica con la nostra vita digitale.

Siamo partiti con VAIA Cube, un amplificatore naturale, prodotto con il recupero del legno degli alberi abbattuti. Oggi la nostra storia si è evoluta con il VAIA Focus che funziona come un amplificatore visivo: ingrandisce lo schermo di qualunque smartphone attraverso la lente Fresnel, una tecnologia totalmente analogica antica di 200 anni.

Ogni oggetto VAIA vuole avere un impatto concreto, trasparente e misurabile sull’ecosistema naturale. Il VAIA Cube è stato associato alla rinascita delle foreste delle Dolomiti, grazie all’impegno di piantare un nuovo albero per ogni amplificatore venduto. Il VAIA Focus, invece, contribuirà a salvare un metro quadro di ghiacciaio alpino.

Con il nostro lavoro, ogni giorno, cambiamo significato alla parola Vaia: non più sinonimo di distruzione, ma di ripartenza sostenibile per l’ambiente e l’economia locale.

Se vuoi scoprire di più visita il sito!

SCOPRI DI PIÚ