Funding

 È inutile far finta di nulla, avviare un’impresa o mettersi in proprio senza un capitale iniziale, senza fare investimenti, senza poter contare su aiuti economici, è molto difficile. La parola “denaro“, per molti considerata tabù, deve invece entrare nel gergo quotidiano e diventare argomento su cui fare informazione e formazione.  Abbiamo voluto integrare l’offerta di Flowerista con il supporto al funding sia per la fase di avvio che per quella di consolidamento e crescita del progetto imprenditoriale, tramite consulenze mirate relative a strumenti di finanza agevolata, bandi e opportunità di crowdfunding

Finanza Agevolata

Ogni anno in Italia vengono distribuiti più di 3,2 miliardi di € di agevolazioni a imprese e startup, tuttavia sappiamo bene che riuscire ad accedervi è tutt’altro che semplice.

La realtà è che i bandi, le agevolazioni e i contributi a fondo perduto sono presentati in modo talmente complicato che per i liberi professionisti e le micro-imprese sembrano inavvicinabili. In casa Flowerista riteniamo invece che tutti debbano avere le stesse chances di potervi accedere, a prescindere dalla dimensione e dal grado di dimestichezza con gli strumenti stessi.
Ecco perchè abbiamo voluto coinvolgere professionisti del settore e integrare le loro consulenze nella nostra offerta. Vogliamo fare in modo che vi sia un intero ecosistema di specialisti a disposizione di chi vuole avviare la propria attività.

Cosa possono finanziare i bandi?

  • Formazione
  • Spese di marketing
  • Acquisto di nuovi macchinari
  • Immobili e rinnovo sedi
  • Acquisto di software e tecnologia

Come funzionano i bandi?
Praticamente tutti i bandi prevedono che prima vengano affrontate le spese, poi rendicontate e restituite le somme previste.

Bandi e finanza agevolata - supporto al funding

Facciamo qualche esempio:

Bando Self Employer

SelfEmployer finanzia con prestiti a tasso zero fino a 50.000 euro l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da NEET, donne inattive e disoccupati di lungo periodo, su tutto il territorio nazionale. 

NEET (Not in Education, Employment or Training), vale a dire persone maggiorenni che al momento della presentazione della domanda: si sono iscritti al programma Garanzia Giovani entro il 29esimo anno di età donne inattive disoccupati di lunga durata, vale a dire persone che al momento della presentazione della domanda: non risultano essere occupati in altre attività lavorative hanno presentato da almeno 12 mesi.

L’intervento finanzia al 100% progetti di investimento con un importo compreso tra 5.000 e 50.000 euro. È possibile richiedere tre diverse tipologie di finanziamenti: – microcredito, da 5.000 a 25.000 euro – microcredito esteso, da 25.001 a 35.000 euro – piccoli prestiti, da 35.001 a 50.000 euro Si tratta di finanziamenti agevolati senza interessi, senza garanzie, rimborsabili in 7 anni con rate mensili che partono dopo dodici mesi dall’erogazione del prestito 

Bando Digital Trasformation

Digital Transformation è l’incentivo che favorisce la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle micro, piccole e medie imprese. Istituito dal Decreto Crescita, è promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e gestito da Invitalia.

È rivolto alle imprese che operano in via prevalente o primaria nel settore manifatturiero, in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere, nel settore turistico, nel settore del commercio. Esse devono aver conseguito, nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato,  prestazioni pari almeno a 100.000 € e devono disporre di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese. Nel caso di società in contabilità semplificata, delle ultime due dichiarazioni dei redditi presentate e dei relativi bilanci redatti secondo la IV direttiva CEE in conformità alle scritture contabili aziendali asseverati da un revisore dei conti.

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili pari al 50%, articolata come segue: 10 % sotto forma di contributo e 40 % sotto forma di finanziamento agevolato. 

Bando Fondo Impresa Donna
  1. Per imprese costituite da meno di 12 mesi alla data di presentazione della domanda e lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da meno di un anno – gli incentivi assumono la forma del contributo a fondo perduto, secondo la seguente articolazione per spese ammissibili non superiori a 100.000 euro: le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili e comunque per un importo massimo del contributo pari a 50.000 euro. 
  2.  Per le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi e da non più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda, le agevolazioni sono concesse per il 50% dell’ammontare complessivo in forma di contributo a fondo perduto e, per il restante 50%, in forma di finanziamento agevolato a un tasso pari a zero, fino a copertura del 80% delle spese ammissibili.
  3. Per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi alla data di presentazione della domanda, ferma restando la copertura del 80% delle spese ammissibili di cui al punto precedente, l’articolazione di contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato prevista dalla medesima lettera si applica alle sole spese di investimento, mentre le esigenze di capitale circolante costituenti spese ammissibili sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.

Se invece hai già una Community attiva e vuoi finanziare un progetto specifico, puoi rivolgerti a noi per il supporto al

F-Crowdfunding logo
Creatività Gentile VOL. 1

L’esperienza che abbiamo fatto con la nostra campagna di crowdfunding “Creatività Gentile VOL.1“, conclusa in overfunding del 113%, vogliamo che sia a tua disposizione! Possiamo creare una squadra di professioniste che ti supportano in ogni aspetto della definizione del crowdfunding: da quello puramente finanziario (quanto chiedere? per finanziare cosa?) a quello di comunicazione e marketing, passando per tutte le necessità di content creation (video, foto, testi). Siamo Platform-neutral, il che significa che non abbiamo specifici accordi con NESSUNA piattaforma in particolare, ma ti consiglieremo quella più adatta alle tue esigenze, a seconda che il tuo progetto sia, ad esempio, un no-profit o un Equity-crowdfunding, ecc…

Cos’è esattamente una campagna di Crowdfunding? 

È uno strumento partecipativo di raccolta fondi, in pratica significa chiedere un aiuto (anche piccolo o minuscolo!) alla Community per realizzare un’idea, nel nostro caso era la pubblicazione di “Creatività Gentile” VOL.1, sapendo che andrà ad impattare sulla Community stessa una volta realizzata.
Vuol dire condividere il rischio, ma anche tutte le tappe e l’entusiasmo!

Solitamente le campagne sono di tipo “Tutto o niente“, ovvero se non si raggiunge l’obiettivo economico prestabilito tutto il denaro raccolto verrà restituito ai legittimi proprietari-donatori. Ecco perchè è importante fare bene i calcoli iniziali e perchè è altrettanto importante pianificare con cura tutte le tappe della campagna, senza perdere l’attenzione del pubblico ma allo stesso tempo dandosi il giusto tempo per arrivare a tutti i potenziali interessati.

Contattaci per un preventivo gratuito!