Manca una settimana all’inizio di dicembre e presto saremo tutti alle prese con lo shopping natalizio. Ma anche con le vendite, se abbiamo un Brand! È un periodo carico di nuovi prodotti, servizi e iniziative, che possono dare uno slancio alla nostra attività. Ma come si prepara un lancio online? Cosa bisogna fare (e non fare) prima, durante e dopo il lancio? E se non andasse come speravamo? A Natale come negli altri giorni dell’anno, un lancio va sempre pianificato in anticipo, in ogni sua fase. Lo vediamo insieme in questo articolo.

Un lancio parte molto prima del giorno X

Che si tratti di un nuovo prodotto/servizio, un nuovo sito web, una nuova collaborazione o addirittura un rilancio di un vecchio servizio, ogni lancio dovrebbe sempre essere pianificato e comunicato in anticipo. Dobbiamo preparare il terreno, coinvolgendo i potenziali clienti e instaurando un rapporto di fiducia giorno dopo giorno, in modo che siano pronti ad accogliere la nostra proposta. Prima regola da segnare sul nostro taccuino: un lancio parte molto prima del giorno X!

Il più grande errore da evitare è proprio quello di organizzare il lancio in fretta e furia, per poi bombardare le persone di email, pop-up e banner che spingono all’acquisto. Con questa strategia “push” rischiamo soltanto di infastidire il pubblico.

Come fare, quindi, per pianificare un lancio? Tra poco vedremo insieme quali aspetti considerare prima, durante e dopo, e per farlo ci aiuteremo con un esempio. Ipotizziamo di voler lanciare un nuovo corso online dedicato all’utilizzo di Instagram (InstaCreate esiste già, ma facciamo finta di volerlo lanciare ora per la prima volta!). Partiamo!

Prima del lancio

Il nostro corso per insegnare a usare Instagram a fini professionali è pronto e non vediamo l’ora di metterlo online. Prima però dobbiamo chiarirci le idee su alcuni elementi fondamentali, che ora vediamo facendo una sorta di checklist.

  • Qual è la data di go-live del corso? Prima di tutto dobbiamo stabilire il giorno X, nel nostro esempio immaginiamo che sia il 2 dicembre. Nella realtà però il lancio andrebbe preparato molto tempo prima, anche con uno o due mesi di anticipo, senza considerare le tempistiche di creazione del prodotto in sé.
  • Cosa vogliamo ottenere? Gli obiettivi devono essere misurabili, così potremo sapere se il lancio è andato come speravamo. Il nostro obiettivo, in questo caso, è vendere 20 corsi InstaCreate entro Natale.
  • Quale tipo di offerta scegliamo? Potremmo decidere di lasciare le iscrizioni aperte solo per un determinato periodo di tempo, ad esempio, oppure di rendere disponibile un numero limitato di prodotti (questo vale soprattutto per articoli fisici o per gli eventi). Nel nostro caso decidiamo di lasciare il corso sempre disponibile, ma di scontarlo del 20% per 24 ore dalla data del lancio.
  • Su quali canali comunichiamo il lancio? Ci concentreremo sui nostri social abituali, su cui
    abbiamo coltivato il nostro pubblico. In più utilizzeremo l’email marketing (consiglio: non dobbiamo essere troppo aggressivi nell’invio di email, ma neanche troppo timidi perché corriamo il rischio di passare inosservati).
  • Quali messaggi vogliamo trasmettere? Come facciamo a convincere le persone che il nostro corso è davvero utile e interessante? Potremmo puntare sull’empatia, ad esempio (“ci sono passata anch’io, ho risolto cosi”), oppure sull’esperienza di altri clienti soddisfatti. Le persone si sentono più tranquille a comprare quello che gli altri hanno già comprato, quindi può essere utile inserire le recensioni dei nostri clienti in Sales Page man mano che le raccogliamo.
  • Abbiamo creato tutti i contenuti di supporto? Testi, foto, video, grafiche… è tutto pronto? È il caso di farci aiutare da un professionista?
  • Inseriamo tutto sul calendario! Che sia Google Calendar, Excel o un foglio di carta, l’importante è mettere ogni fase del nostro lancio nero su bianco. Segniamoci, giorno per giorno, quali contenuti pubblicare e su quali canali.

Stabiliti tutti questi aspetti, arriva il momento di creare attesa. Nei giorni precedenti la data X dovremo pubblicare dei contenuti che preannuncino l’uscita del corso e accendano l’interesse del nostro pubblico. Lo scopo è portare le persone a dire “non vedo l’ora di scoprire il nuovo corso!”. Possiamo alternare post e Stories, e magari creare un countdown nella settimana che precede la data del go-live.

Il giorno del lancio

È il 2 dicembre, la data di lancio del nostro corso online! Il giorno del go-live e i giorni immediatamente successivi richiedono il nostro massimo sforzo comunicativo. Tutti i nostri canali devono essere focalizzati sul lancio e non ci devono essere interferenze di altro tipo. In pratica creiamo una sorta di cuscinetto protettivo per il nuovo prodotto/servizio.

Ad esempio, possiamo inviare una Newsletter alla nostra audience, pubblicare un post sui nostri canali social e alcune Stories su Instagram, il tutto incentrato esclusivamente sul nuovo corso. Altre cose da non dimenticare:

  • rendiamo visibile la Sales Page del prodotto sul nostro sito! A proposito, ricordiamoci di concentrarci sull’accuratezza di questa pagina, perché è davvero importante per la riuscita di un lancio. Facciamoci alcune domande: la Sales Page risponde ai bisogni concreti e alle domande del nostro pubblico? Anticipa tutti i benefici e le tempistiche per ottenerli? Il pulsante d’azione è ben visibile (“Aggiungi al carrello”, “Acquista il corso”…)? Abbiamo inserito le risposte a possibili FAQ (domande frequenti)? Termini e Condizioni? Lo spazio per le recensioni dei clienti?
  • Facciamo un brindisi! Condividiamo i festeggiamenti con il nostro pubblico!

Dopo il lancio

Ora che il nostro corso è online, dobbiamo iniziare ad analizzare i risultati ottenuti e, ovviamente, continuare con la nostra strategia di marketing seguendo il calendario del lancio.

  • Come stanno andando le vendite? Riusciamo a raggiungere l’obiettivo di 20 corsi venduti entro Natale?
  • È il caso di ottimizzare i risultati, rivedendo in parte la nostra strategia? Se le prime 24 ore sono andate molto bene, possiamo pensare di estendere lo sconto del 20% per un altro giorno ancora.
  • Inviamo un’email di ringraziamento a chi ha acquistato.
  • Creiamo delle campagne pubblicitarie mirate su Facebook e Instagram per mantenere viva l’attenzione del pubblico.
  • Chiediamo i primi feedback e riportiamo le testimonianze di chi ha acquistato il corso.
  • Quali sono stati i canali più efficaci ai fini della vendita? Saperlo ci sarà utile per il futuro!

Ho preparato il mio lancio per tempo, perché non ho fatto sold out?

Qualche volta può capitare che il lancio non vada come speravamo, nonostante i nostri sforzi. Tornando al nostro esempio, invece dei 20 corsi previsti potremmo averne venduti solo 5 o 6. Perché il lancio è stato un flop? Eppure avevamo pianificato ogni cosa!

Ci siamo passati tutti, capita in particolare all’inizio quando la nostra attività è ancora “ballerina” e le vendite si contano sulle dita di una mano. Ma può capitare anche dopo, nonostante gli anni di esperienza alle spalle. Spesso l’incomprensione nasce a monte, nel momento in cui stabiliamo i nostri obiettivi. Può succedere che Brand ancora “giovani” si confrontino con Brand nati molto tempo prima, con la conseguenza di fissare obiettivi poco realistici (e provare tanta frustrazione!). Perciò dovremmo evitare di fare paragoni “sbilanciati” e prendere invece come esempio delle realtà più simili alla nostra. Sono certa che anche i più famosi, agli inizi, si erano scontrati con le stesse difficoltà!

Ad ogni modo, se non riusciamo a raggiungere il nostro obiettivo non vuol dire che il nostro messaggio sia passato inosservato. Forse il pubblico non era pronto in quel momento, ma in futuro potrebbe esserlo e se abbiamo lavorato bene si ricorderà di noi. Dobbiamo continuare a fare Content Marketing anche dopo il lancio, per tenere sempre vicini i nostri potenziali clienti ed essere presenti nel momento in cui avranno bisogno della nostra offerta. Quando siamo ancora agli inizi della nostra attività, o se abbiamo creato un prodotto particolarmente innovativo, gli sforzi comunicativi richiesti sono maggiori perché il Brand/il prodotto deve essere compreso dal pubblico.

A volte un lancio può non andare come speravamo anche per motivi di timidezza, perché abbiamo avuto paura di essere invadenti e siamo rimasti nascosti. Oppure abbiamo scelto una data caotica (Natale, ad esempio! O il Black Friday), e sappiamo che è molto difficile emergere quando c’è troppo chiasso.
Ma non solo, può essere che la Sales Page sia poco chiara, poco esaustiva. In tal caso, corriamo a sistemarla!
Il prodotto non serve o non piace? Purtroppo può capitare anche questo, impareremo dai nostri errori di valutazione.

In questo periodo pre-natalizio sentiamo tutti la pressione delle vendite, ma vorrei rassicurarti: è normale sentirsi un po’ affannati in mezzo a tanta frenesia. Continuiamo a pianificare, diamoci obiettivi concreti e realistici, teniamoli monitorati, aggiustiamo il tiro laddove necessario. C’è sempre spazio di miglioramento!

Iscriviti alla Newsletter Flowerista per non perderti nemmeno un aggiornamento!