Cambiare lavoro non è un affare semplice. Il mercato è in continuo mutamento e quella del career coaching è una tendenza nata di recente. Uno strumento che può aiutare chi ha perso la bussola o chi desidera intraprendere un cambiamento professionale attraverso un percorso, definendo obiettivi di crescita con la guida esperta di un career coach.

Cos’è il career coaching: approccio e metodologia

Improvvisare non è mai una buona soluzione: si rischia di perdere tempo, sprecare energie e ritrovarsi frustrate per mancanza di risultati.

Invece, definire un obiettivo professionale a monte della nostra ricerca di lavoro ha degli indubbi vantaggi:

  • ci costringe a fare un’analisi approfondita di noi stesse/i e delle nostre competenze, per capire quali sono i nostri punti di forza e le aree in cui possiamo migliorare;
  • ci mette di fronte ai nostri valori e bisogni, per definire cosa davvero cerchiamo in un lavoro;
  • ci ispira nella stesura di un curriculum efficace;
  • ci obbliga a studiare una strategia di ricerca efficiente;
  • ci fa affrontare un colloquio con maggior consapevolezza;

Cosa fare dunque, prima di mettersi alla ricerca di un nuovo lavoro?

Ci si ferma un attimo, per arrivare ad una descrizione il più precisa possibile di quello che vogliamo raggiungere professionalmente e personalmente.

Come? Innanzitutto analizzando le motivazioni e gli elementi di soddisfazione, i bisogni e le aspettative, al fine di definire determinati obiettivi.

Se vuoi cambiare lavoro, ma hai paura di non sapere bene da dove iniziare, segui questa breve guida:

Definisci i tuoi obiettivi

Da dove iniziare per definire un obiettivo professionale chiaro e raggiungibile? Parti da motivazione e soddisfazione.

Spesso infatti, il primissimo elemento che viene indicato è relativo allo stipendio e/o alla tipologia contrattuale; in alternativa si cerca continuità con lo stesso ruolo ricoperto al momento.

Tutto giusto, ci mancherebbe! Ma hai provato a soffermarti su altri aspetti, meno visibili e concreti ma altrettanto fondamentali?

  • Ti sei mai chiestə cosa ti spinge a svolgere determinate azioni, a comportarti in un certo modo?
  • Sei consapevole della soddisfazione che ricevi quando raggiungi un certo risultato?
  • Riesci a individuare ciò che ti motiva a fare proprio quel lavoro (o parte di un lavoro) così che la soddisfazione si manifesti di nuovo, ancora e ancora?

Crea la tua scala personale dei valori

Abbiamo tutti necessità quotidiane e concrete che dirigono la nostra scelta di cercare un lavoro o un altro: questo è ovvio, ma può essere meno ovvio fermarsi a riflettere su esigenze più immateriali, come la necessità di vedere messe in atto le nostre competenze, o il desiderio di riconoscimento, o il voler lavorare in vista di uno scopo dall’alto senso etico.

Ognuno di noi ha bisogni e aspettative diverse, che dipendono tanto dal carattere quanto dalle condizioni in cui effettivamente ci si trova: è quindi importante e necessario capire qual è la scala personale dei nostri valori e trovare un punto di equilibrio tra quello che mi piacerebbe fare e quello che devo fare per soddisfare necessità più materiali e imminenti.

Siamo tutti diversi: l’importante è acquisire consapevolezza rispetto a ciò che è importante per se stessi, in modo da dirigersi subito sulla strada adatta a sé, e non ad altri.

Tu hai già ben chiara la tua scala di valori?

Prenditi tempo

A volte il mio lavoro come career coach può essere più facile, quando la persona con cui sto affrontando un percorso di orientamento professionale ha già diverse idee sul suo futuro lavorativo e ha bisogno di una mano per mettere ordine in quella apparente confusione.

Altre volte può essere più complesso, invece, perché le idee sembrano non esserci. E invece quelle idee ci sono, ma spesso sono messe da parte a causa di pre-giudizi o resistenze di varia natura.

Altre volte ancora, le idee effettivamente mancano: quelle sono le occasioni in cui il mio lavoro sembra più difficile, ma la difficoltà sta nell’accettare che nessuno ha il potere di sollevare la nebbia con uno schiocco di dita, e che per alcune cose ci vuole, semplicemente, tempo.

Tempo per esplorare, per raccogliere informazioni, intervistare persone. Tempo per ascoltarsi.

Prendersi tempo è un lusso, eppure a volte diventa un bisogno, anche strategico, per concentrarsi e definire un obiettivo senza perdere, appunto, tempo ed energie girando a vuoto.

Quando può essere utile il career coaching? 

Un percorso di career coaching può fare al caso tuo se:

  • Hai già una carriera avviata (da dipendente o da freelance) e desideri cambiare qualcosa. Questi cambiamenti possono riguardare una mansione specifica, oppure l’acquisizione di nuove competenze, il cambiamento di azienda o di ambiente lavorativo. In questo caso il career coaching può aiutarti a scoprire i tuoi punti di forza, definire i tuoi bisogni e impostare un piano d’azione ad hoc;
  • Ti senti confusa e disorientata: non sai bene quale sia la tua strada (anche post-universitaria) e su cosa puntare a livello professionale. In questo caso, il career coaching andrà a indagare le tue risorse personali e i tuoi talenti;

In qualsiasi di queste situazioni tu ti trovi, ricorda, non sei sola, e il career coaching può essere la soluzione che stai cercando per realizzarti professionalmente e personalmente.

Se desideri lavorare sui tuoi talenti e i tuoi valori con l’aiuto di tre esperte, Flip Your Talent è il percorso di career coaching che fa per te. Scopri di più sul sito e iscriviti alla waiting list compilando il form sottostante.