Alla base del successo di moltissimi business online c’è una caratteristica comune: aver saputo nel tempo creare una Community affiatata, che condivide gli stessi valori, e sopratutto disposta a spendere quello che è necessario pur di aggiudicarsi quel determinato prodotto/servizio. La community è quel luogo virtuale dove si ritrovano gruppi di persone accomunate dalla condivisione di valori e dall’interesse per tematiche specifiche, condividendo consigli ed esperienze.
Ma come si fa nel concreto a creare una Community online da zero?

1. Inizia dalla scelta del tema, l’elemento fondamentale da cui partire per creare una Community online

La scelta del tema da trattare con la Community può sembrare banale, ma ti faccio subito un esempio per capire la differenza: un conto è parlare di Social Media e un conto è parlare di Pinterest. Parlare di architettura è diverso dal parlare di soluzioni architettoniche per case piccolissime. Oggi le Community online sono moltissime, trattano delle tematiche più svariate e spesso ci sembra che tutti gli argomenti siano già stati affrontati da molte persone, anche con punti di vista diversi tra loro. Ma fidati, c’è posto anche per te!

Come fare quindi per scegliere il tema? Vai alla ricerca di un tema molto di nicchia, su cui ti senti ferrato e parti fornendo con generosità informazioni; successivamente potrai anche proporti con la tua opinione e i tuoi commenti sul tema. L’importante è non copiare le altre community già nate.

creare una community online-flowerista

2. Seleziona i valori e crea il manifesto della Community

Il tema e i valori sono due aspetti diversi nell’ambito della creazione di una Community. Lo stesso tema, che hai identificato al punto 1, può infatti essere affrontato seguendo una filosofia diversa o prendendo in considerazione punti di vista e prospettive diverse. Se chiarisco la mia filosofia sin dall’inizio, magari con un manifesto, attirerò persone simili a me.
Ad esempio, il Manifesto Flowerista racchiude tutti i valori del mio brand e nel corso degli ultimi tre anni molte persone si sono riconosciute in questi aspetti.

3. Scegli la piattaforma per la tua Community

La scelta della piattaforma dove costruire e coltivare una Community online è strettamente correlata all’individuazione del giusto target. Non tutte le Community si trovano su Instagram o nei gruppi Facebook, i social network tradizionali che solitamente vengono pensati come ideali per la costruzione di una Community. Ce ne sono molte altre, YouTube stesso ad esempio o Linked In.
Ma se vuoi esplorare nuove piattaforme prova a dare un’occhiata a Patreon, Slack o ancora Mighty Network: sono arrivate più recentemente in Italia e sono state create per la condivisione di contenuti e la creazione di una Community online, rivolte sia ad artisti, che creativi e amanti della tecnologia.

community online-flowerista

4. La costanza nella condivisione dei contenuti per coltivare la Community

Dopo aver scelto la tematica e la piattaforma dove condividere i contenuti, è ora il momento di pianificare la strategia, in base agli obiettivi di community prefissati. Di conseguenza, sarai tu a determinare la frequenza di pubblicazione dei contenuti in base alla tua strategia di content marketing. Non voglio arrivare a dire che la quantità premia più della qualità nella creazione di una Community, ma la frequenza è importantissima!

Quello che è certo è che la quantità di contenuti condivisi nella community determina l’esposizione del tuo brand: se gli algoritmi di qualsiasi social e/o motore di ricerca si accorgono di te grazie alla costanza con cui pubblichi, potranno mostrarti più facilmente al pubblico. Al contrario, se non pubblichi i contenuti seguendo un piano editoriale regolare, sarà molto più difficile farti notare.

Quindi come condividere contenuti con costanza? Preparando un piano editoriale sviluppato a partire dalle tue idee, facendo attenzione alle richieste che arrivano dalle Community per eventuali tematiche o approfondimenti da trattare.

5. L’importanza del networking tra pari (e del sapersi mettere in disparte)

In conclusione, ho deciso di darti un consiglio molto importante. Quando cominci a “emergere”, il rischio è di non considerare più le persone che ti seguono, preso come sei dal rispetto delle scadenze, dalla corsa alla monetizzazione, ecc… Al contrario, un buon leader è colui che sa anche mettersi in disparte e dare spazio ai propri followers, permettendo così a loro di scambiarsi contenuti e valore reciprocamente.

In fin dei conti è questo che contraddistingue una bella Community, no? Se la mia domanda non ottiene risposte in tempi rapidi da parte del fondatore, perché troppo impegnato, so che posso contare su tutta una serie di persone che come me condividono la stessa passione, ma magari quel problema in particolare sanno già come risolverlo.

Iscriviti alla Newsletter  per non perderti nemmeno un aggiornamento!