Cosa non puoi perderti di Maison & Objet 2018

L’edizione invernale di maison et objet, la Fiera di Parigi dedicata al design e all’arredamento, sta per chiudersi e io non potevo non raccontarvi le meravigliose ispirazioni che ho scovato…. No, non propriamente lì, perché purtroppo non ci sono andata, ma sul sito!

E’ attiva infatti una piattaforma online che consiglio a tutti coloro che per passione o per lavoro si confrontano ogni giorno con la definizione di stili e tendenze. Ma il grosso del lavoro questa volta l’ho fatto io per voi! E qui di seguito potete trovare le 10 idee da replicare se non proprio nel salotto di casa almeno nelle fantasie di arredo! Tutte rigorosamente ispirate ai fiori.

Rispettivamente Vases Catus et feuille e Vases Cacté et Millefiori realizzati dalla francese Athezza, per gli amanti della natura e del verde anche sul vaso, oltre che dentro (ok, il greenery è stato il pantone 2017, ma che ce ne importa).

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
athezza-hanjel.com

 

Ricorda la forma di un fiore la linea di poltrone e sedie disegnate da Dutchbone per Zuiver. I colori poi sono semplicemente magnifici.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
zuiver.com

Può sembrare un giardino fiorito visto dall’alto ma in realtà è un effetto marmorizzato voluto da Clara Bergman per il servizio di vassoi prodotto e distribuito dallo studio svedese Formata.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
studioformata.se

Si chiama Big Flower la scultura da appendere alla parete di un salotto (analogamente) molto grande ed è realizzata interamente in feltro. Disponibile in più colori, io ho scelto quello che mi metteva più allegria.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
emmanuellem.com

Immancabile in questa short list la mia amata carta da parati! E’ stato difficile scegliere, ma questo stile che mescola geometrie, art deco e natura mi ha lasciato senza fiato! Anche il nome dell’azienda che le commercializza è significativo: Papermint.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
papermint.dk

Naturali sono anche i materiali che compongono questo set di decorazioni da parete: il legno e la lana. L’Atelier Vanska mi ha colpito soprattutto per il mix culturale che incarna, ispirandosi allo stile Bauhaus e facendo realizzare i propri pezzi unici dagli artigiani del Marocco.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
vanska-seasons.com

Altrettanto semplici e lineari, in perfetto stile Bauhaus, anche questi vasi della tedesca Hedwig Bollhagen, azienda fondata dall’omonima famosissima ceramista scomparsa nel 2001.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
hedwig-bollhagen.com

Per rimanere sul bianco e nero, ma molto più eclettico, ci spostiamo su un accessorio imperdibile per ogni instagramer che si rispetti, ma molto utile anche per chiunque debba ricoprire un pavimento rovinato o che non lo soddisfa più: le tovagliette e i tappeti in pvc!

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
maisonberht.com

Traendo ispirazione dall’Oriente e precisamente da Samarcanda, nome che dà anche alla collezione, Sonia Daubry immagina un mondo di luce magica e misteriosa con queste lampade decorate a mano.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
soniadaubry.com

E per finire, un’anticipazione di quello che sarà uno dei prossimi post del blog, interamente dedicato al Giappone!
Neo Densan è una cooperativa di Kyoto che si impegna a divulgare la tradizione della ceramica giapponese modernizzandone il design grazie alle collaborazioni. Come questa, con Kumagai, che ha dato vita alla collezione per la tavola Flower Crystallization.

Maison et Objet_Fiera di Parigi_Flowerista
tci-lab.com/neodensan

 

Come vi sembrano queste anticipazioni dello stile 2018? Non male, direi…